PIATTAFORMA SUOM 2020

Cultura della misura al centro del processo di digitalizzazione del Paese

 

Le forti trasformazioni in atto nei settori acqua, gas, elettricità e calore, presuppongono un diverso approccio nella gestione complessiva dei servizi. Con due fattori chiave ad accompagnarle: l’infrastruttura che diventa digitale; lo smart meter quale strumento primario di conoscenza degli asset. Ambiti che stanno subendo, in risposta ai recenti fatti dovuti alla pandemia, decise accelerazioni in termini d’innovazione, di processo e tecnologica. Segmenti governati da maggior cultura e conoscenza che incrocia discipline verticali con visioni orizzontali.
Una complessità che ha spinto il nostro gruppo a creare, a partire dal mese di settembre 2020, una vera e propria piattaforma composta da appuntamenti digitali e appuntamenti in presenza, in grado di trasferire informazioni e mettere in rete al tempo stesso gli stakeholder aggregati intorno agli ambiti tematici tipici dell’evento annuale.

 

Una piattaforma che integra una serie di strumenti scanditi da una progressione temporale:

 

SUOM VIRTUAL EDITION:

10 settembre ore 14.30-16.30 – Remote Reading e Smart Meter: tutto Digitale in risposta a fattori di accelerazione

22 ottobre ore 11.00-13.00Innovazione tecnologica e Smart Meter. Gli effetti del Decreto Rilancio e i nuovi Horizon Europe.

3-6 Novembre 2020 Rimini. Sustainable City – Ecomondo KeyEnergy – Divide infrastrutturale e digitalizzazione delle utility. La centralità di Smart Meter e Comunicazione.

SUOM 2020 – EVENTO IN PRESENZA:

26 novembre 2020 Roma – Istituzioni, regolatore, utility e industria: una filiera “avanzata” per misurare il grado d’innovazione del Paese.

 

Approfondisci il primo appuntamento

SUOM Virtual Edition – 10 settembre 2020 – 14.30-16.30

Advanced Remote Reading e Smart Metering: tutto Digitale in risposta a fattori di accelerazione

Post Covid. Cambia il rapporto tra imprese utilities e tecnologie digitali

All’interno della definizione di Smart Metering risiedono due concetti: quello di sistema avanzato/automatico di telelettura contatori (Advanced Remore Reading) e quello di sistema full digital (ovverosia completamente digitale, sia nella tecnologia di misura che nella tecnologia di trasmissione dati).

Il confronto tra l’evoluzione di sistemi di lettura avanzati rispetto alla complessità e alle criticità del momento storico che stiamo vivendo si fa naturale. Il Covid ha solo stressato fenomeni già in atto costituiti da grandi e repentini cambiamenti – come quelli climatici per esempio – a cui le società di gestione di pubblici servizi stanno rispondendo con rapidità e qualità; superando il concetto di resilienza, quindi affrontando situazioni mutate rispetto allo stato precedente, grazie all’inevitabile ricorso a sistemi tecnologici e processi manageriali avanzati. In grado quindi di mantenere e migliorare la qualità dei servizi pur a fronte di mutazioni velocissime. Grazie anche all’intelligenza artificiale dello Smart Metering di nuova generazione.

Tecnologie, metodologie, implementazione di sistemi di misura per connettere utility e clienti finali, al fine di conoscerne le esigenze, i comportamenti, le criticità. Il Covid ha reso evidente che lo smart metering deve evolversi e propagarsi a tutti i settori delle reti di pubblica utilità, dall’elettrico, al gas spingendo all’evoluzione anche il settore idrico. Decisivo sarà il ruolo del Regolatore (AREA) a indicare la direzione per un adeguamento tecnologico trasversale del Paese, automatizzare i servizi ed efficientare le reti distributive. Il Paese deve ormai sempre più dotarsi di un’adeguata agenda digitale, (prendendo spunto dall’Agenda Digitale della Commissione Europea), indicando una strategia che consenta al Paese di ripartire, riducendo le differenze digitali e offrendo pari opportunità di sviluppo economico dei territori (digital divide). 

Il processo in atto relativo alla digitalizzazione del Paese deve necessariamente comprendere un piano relativo agli Smart Meters, perché cuore di ogni processo efficiente; con una copertura e un dialogo tra oggetti IoT che comprenda tutto il territorio nazionale. Soprattutto nel settore idrico per esempio il digital divide va affrontato in modo trasversale, quindi con un approccio tecnologico capace di leggere e rispondere a fenomeni di siccità sempre più evidenti, dove diventa indispensabile e vitale una tutela assoluta della risorsa idrica. 

Digitale dunque che si trasforma in comunicazione e conoscenza, con l’intera infrastruttura a mettere in dialogo i soggetti preposti alla governance di sistemi complessi.

Il webinar del 10 settembre ha dunque l’obiettivo di dare contenuti solidi al concetto di digitale, che crea condizioni ottimali per la gestione dei servizi di pubblica utilità anche in tempi critici come quelli dettati dal Covid-19; ma che supera il momento stesso aprendo nuove possibilità per le utility di fornire beni fondamentali come energia, acqua, gas e calore con criteri qualitativi sempre più alti e degni di un paese civile.

Se fino a qualche tempo fa Digitale era “Bello” oggi Digitale è “Indispensabile”. 

Digitale non è solo infrastruttura tecnologica; presuppone un approccio che va sostenuto culturalmente anche con adeguate risorse economiche pubbliche; e nel piano governativo di diffusione del digitale va necessariamente compreso anche lo Smart Metering come strumento indispensabile al servizio sia delle utility che dei cittadini stessi. 

I problemi di sicurezza che in futuro andranno gestiti con continuità e non in modo emergenziale dalle utility – con una racconta dati dei consumi dell’utenza senza l’uscita di squadre di letturisti (e non con lettura semi-automatica come il walk-by o il drive-by) – vengono quindi ampiamente superati da una netta presa di posizione di tutta la filiera a favore del Digitale. Che proprio perché strumento “di sistema” rende sostenibile processi complessi, anche da un punto di vista economico. Con lo Smart Metering punto focale di una catena sempre più virtuosa.

 

Invitati a partecipare:

 

14.30 – 15.00 Introduzione ai lavori. Key Note Speech

Furio Cascetta – Seconda Università degli Studi di Napoli – Coordinatore Scientifico Smart Metering Group Anie CSI

Matteo Pagliarani – Customer Solutions Architect Sensus Italia

 

15.00 – 15.30 Talk Calore

Massimiliano Magri – Co-Owner Coster Group Coordinatore Divisione Calore Smart Metering Group Anie CSI

Vittorio Cossarini – Presidente Assoesco

Paola Filippini – Cogeme Nuove Energie, Gruppo Cogeme

 

15.30 – 16.00 Talk Gas

Maurizio Galandrino – Head of Business Ict Management Italgas

Elisa Albertini – ICT/TELNET – Telecommunications Manager Italgas

 

16.10 – 16.20 Talk Acqua

Fabio Marelli, MM e rappresentante Water Alliance

Santo Leotta, Sogip Catania

Alessandro Lanfranchi, Padania Acque

Andrea Lobba, Padania Acque

 

16.20 – 16.30 Chiusura lavori

Vincenzo Quintani, General Manager Landis+Gyr Coordinatore Smart Metering Group Anie CSI

 

Modera Emanuele Martinelli, Energia Media

 

Per informazioni e materiale contattare:
comunicazione@energiamedia.it
csi@anie.it